Venerdì, 02 Ottobre 2015 00:00

Autunno col sorriso: porta con te salute e buonumore

Terminate le vacanze e ripreso il lavoro, è normale sentirsi stanchi, affaticati, un po' giù di tono.
Le scuole sono ricominciate e siamo immersi dagli impegni lavorativi, ma sentiamo ancora gli strascichi di quella che tutti conosciamo come "la sindrome da rientro", in cui la rilassatezza svanisce per lasciar spazio ai mille impegni della vita quotidiana.
Abbiamo chiesto alla dott.ssa Giulia Andrighetto della farmacia Galvan di Vicenza e al dott. Benedetto Plantera della farmacia Viale Aldo Moro di Brindisi.
"Cambiamenti di ritmo, ambientali e climatici sono tipici di questa stagione. Virginia Woolf diceva 'Non si può pensar bene, amare bene e dormire bene se non si è mangiato bene': è quindi indispensabile assicurarsi la giusta dose di nutrienti, quali carboidrati, proteine, vitamine e sali minerali, affinché il nostro corpo possa rispondere al meglio", afferma la dottoressa Andrighetto.

"Partiamo col piede giusto", concordano entrambi i farmacisti. Facciamo una colazione "da leoni", sostanziosa e a base di frutta, e forniamo al corpo le giuste quantità di carboidrati, magari integrali, durante la giornata. Otterremo tutta l'energia necessaria per non essere troppo affaticati e per non appesantirci in modo eccessivo. Importante è anche la quota proteica, preferibilmente vegetale, ma i migliori alleati per il nostro organismo sono frutta e verdura, meglio se di stagione, in grado di fornirci quell'apporto di fibre che favorisce la regolarità intestinale, di vitamine come la A, B e C, utili per rafforzare le difese immunitarie, e infine di minerali come magnesio, potassio, ferro, fosforo, manganese e antiossidanti che ci faranno da scudo nell'inverno.

"A cavallo tra settembre e ottobre, infatti, vi è una sorta di spartiacque e la porta comincia ad aprirsi alla stagione fredda. Non a caso, in farmacia si arriva con i primi raffreddori e malattie dell'apparato respiratorio, accompagnati da disturbi della regolarità intestinale, probabilmente dovuti al cambio di stagione e di abitudini alimentari. Infine, sono tanti i pazienti che sentono il bisogno di sostenersi nella vita quotidiana con tonici per la mente, l'umore e per il fisico.", spiega la dottoressa.

"Un buon aiuto - suggerisce il dott. Plantera – ci arriva dai prodotti fitoterapici, grazie alle piante che apportano sostanze antiossidanti con funzione ricostituente e immunostimolante. Tra questi, soprattutto in questo periodo, le bacche digoji rappresentano una fonte completa di minerali, amminoacidi, fibre solubili e vitamine. L'acerola, fonte di vitamina C, aiuta a sostenere l'equilibrio immunitario, anche in caso di malattie da raffreddamento, sindromi influenzali. Cupuaçu e açay riducono il senso di stanchezza ed affaticamento durante le fasi di stress e di calo di energia, senza gli effetti indesiderati della caffeina, contribuendo al normale funzionamento del sistema nervoso e alle normali funzioni cognitive."

Il consiglio più giusto, ce lo dà comunque il grande filosofo Voltaire: "La decisione più coraggiosa che puoi prendere ogni giorno è quella di essere di buon umore!"