Giovedì, 01 Dicembre 2016 07:45

I consigli per una colazione perfetta

Alla mattina, appena svegli, ci sono gli affamati, quelli che buttano giù solo un caffè in piedi, quelli che affermano : "toglietemi tutto ma non il latte", quelli che fanno sempre colazione al bar, quelli che preferiscono qualcosa di salato, gli affezionati degli estratti, i macrobiotici che mangiano la crema di riso, quelli dell'acqua e limone e ... potrei stare qui a riempire la pagina di esempi, da quelli più scientifici a quelli più strampalati.

Per fare ordine nella nostra alimentazione bisogna partire dalla colazione.
Quello che introduciamo con il primo pasto della giornata è un segnale forte per il nostro organismo, per la macchina perfetta che governiamo ed è in grado di incidere su tutto il resto della giornata.
Per questo, a seconda di quali saranno gli impegni che dovremo affrontare, possiamo scegliere un tipo di colazione che fornisca tutto ciò di cui abbiamo bisogno per avere energie necessarie durante la giornata.
Ci sono tante alternative e, se impareremo a sperimentarne una nuova alla settimana e ad ascoltare le reazioni del nostro corpo, le energie che producono e il nostro stato emotivo, potremo utilizzarne, al bisogno, una piuttosto che un'altra.
L'importante è considerare che, se abbiamo dormito a sufficienza, se abbiamo lasciato passare un paio di ore tra la cena e il sonno, il nostro organismo durante la notte, grazie agli ormoni Insulina e GH, ha portato tutti i nutrienti all'interno delle cellule e li ha trasformati in elementi strutturali come tessuto muscolare, tessuto osseo, ecc..., dopodiché si è dedicato a due processi importantissimi che avvengono durante il sonno, la Depurazione e la Riparazione (del DNA, per esempio). Se ciò avviene correttamente, al mattino ci svegliamo prontamente e abbiamo anche una discreta fame.

OMEGA 3 E GRASSI BUONI

La Medicina Funzionale Evoluta ci spiega che durante la prima parte della giornata e al mattino in particolare, è utile consumare alimenti che ci danno una energia pronta, come gli zuccheri semplici della frutta, assieme ai grassi insaturi e agli omega 3 della frutta secca e del lino, per esempio.
La base può essere rappresentata da uno yogurt (di soia per i vegani), da un latte vegetale senza zuccheri aggiunti, da un frullato di frutta, da un estratto, da ricotta di capra, che dobbiamo poi arricchire con muesli o accompagnare a gallette integrali di grano saraceno con crema di nocciole, mandorle o thain. Sconsigliamo di utilizzare farine e zuccheri raffinati perché contengono calorie vuote che danno sazietà per tempi molto brevi, a cui seguono quei momenti di calo degli zuccheri che ci fanno poi avventare sul primo snack che capita. Se vogliamo preparare una ciambella in casa, per la colazione, il consiglio è quello di utilizzare farina integrale macinata a pietra o di tipo 2 arricchita con farina di canapa (per aumentare la quota proteica) e di sostituire lo zucchero bianco con zucchero integrale di canna o datteri tritati e uvetta che danno un buon sapore dolce senza alzare troppo l'indice glicemico.

A CIASCUNO IL SUO SUPER FOOD 

A seconda poi delle nostre esigenze, la natura ci mette a disposizione i cosiddetti superfood, ovvero quegli alimenti, sotto forma di bacche o polveri che ci possono essere di aiuto per migliorare il nostro benessere.
Se facciamo sport e abbiamo bisogno di un potente antiossidante, possiamo aggiungere arilli di melagrana o bacche di Goji, se abbiamo necessità di avere alta l'attenzione senza consumare troppi caffè, possiamo utilizzare la polvere di Cupuaçu, frutto della famiglia del cacao, forte alleato contro la fatica e lo stress.
Se invece abbiamo a che fare col nostro intestino pigro ci sarà di aiuto aggiungere alla colazione fette disidratate di Pitaya Gialla, ricche di fibra, oppure se vogliamo puntare sul drenaggio e la depurazione la bacca per noi è l'Alchechengio. La polvere di Açai, che ha un profilo proteico simile all'uovo, la consigliamo agli sportivi o a chi ha bisogno di energia fisica e di un buon apporto magnesio e potassio. Le fave di cacao, per il loro contenuto di flavanoli che agiscono sul mitocondrio, sono consigliate per lo studente e l'atleta.

La monotonia è nemica del benessere, nella colazione come negli altri pasti che consumiamo durante la nostra giornata, proviamo allora a fare qualche piccolo esperimento e andiamo a curiosare nelle abitudini di chi vive in paesi diversi dal nostro per avere una collezione sempre più ricca di colazioni da proporci nei diversi giorni della settimana. E, se la nostra fantasia non è sufficiente, possiamo sempre chiedere aiuto al Farmacista Pharmavegana che ci potrà aiutare a scegliere la colazione più adatta per noi.

Vi aspettiamo sabato 3 dicembre nell'appuntamento televisivo su Rete 4 dalle ore 12 (all'interno della trasmissione Parola di pollice verde) con un intervento dedicato alla colazione. 

Dott.ssa Elena Olivieri