Warning: array_merge(): Argument #1 is not an array in /home/uakyi7a3/domains/pharmavegana.it/public_html/plugins/system/jch_optimize/jchoptimize/fileretriever.php on line 58 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/uakyi7a3/domains/pharmavegana.it/public_html/libraries/src/Cache/Storage/FileStorage.php on line 315 Pharmavegana - Grassi buoni: funzioni e assunzioni

AREA RISERVATA

Tweets

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /home/uakyi7a3/domains/pharmavegana.it/public_html/modules/mod_fancy_tagcloud/types/joomla/tags.php on line 30 Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /home/uakyi7a3/domains/pharmavegana.it/public_html/modules/mod_fancy_tagcloud/types/joomla/tags.php on line 37
Strict Standards: Non-static method OfflajnValueParser::parse() should not be called statically in /home/uakyi7a3/domains/pharmavegana.it/public_html/modules/mod_fancy_tagcloud/mod_fancy_tagcloud.php on line 171
%PM, %20 %603 %2016 %13:%Dic

Grassi buoni: funzioni e assunzioni

Sappiamo tutti quant'è importante inserire il più possibile nell'alimentazione quotidiana i famosissimi Omega 3 per le loro molteplici funzioni.
Gli acidi grassi polinsaturi definiti Omega3 rappresentano una tipologia di grassi a effetto antinfiammatorio che svolgono funzioni fondamentali come:
• proteggere dai continui stress ambientali le membrane cellulari;
• controllare l'eccesso di colesterolo;
• funzione antiossidante e protettiva su tutto il tessuto cerebrale;
• funzione strutturante di pelle e mucose.

Nel mondo animale gli Omega 3 si trovano nel pesce, ma negli ultimi anni il livello di inquinamento ha provocato un'intossicazione da metalli pesanti e il livello di Omega 3 prodotto è sensibilmente inferiore rispetto ad alcuni decenni fa a causa del surriscaldamento del mare. L'Omega 3 serve al pesce per non congelare.

Nel mondo vegetale li troviamo soprattutto nell'olio di lino e nei semi di lino.
La nostra alimentazione è in realtà ricca di acidi grassi saturi che possono creare danni al sistema cardiovascolare e innescare processi degenerativi per le cellule e di Omega 6.
Nel circolo sanguigno il rapporto fisiologico e funzionale tra gli Omega 3 e gli Omega 6 è 1:3, mentre la nostra tipologia di dieta porta ad alterare questo rapporto ideale arrivando anche a 1:15.
Per mantenere il rapporto corretto tra questi tipi di grassi l'alicamento ideale è l'olio di semi di canapa dato che ha un rapporto di Omega 3, Omega 6 pari a circa 1:3.
Quindi, come potenziare gli Omega 3 e diminuire gli Omega 6?
Essendo una bilancia è necessario lavorare sul potenziare gli Omega 3: è fondamentale un'integrazione con olio di lino, da prendere a cucchiai, mandorle, noci, alghe, semi di chia.
Un esempio di colazione a base di Omega 3 è la crema Budwig. Si tratta di un'eccellente combinazione di ingredienti che insieme possono fornire al nostro organismo tutto quello di cui ha bisogno in particolare di prima mattina per affrontare la giornata con una buona dose di energia:
• semi di lino macinati, crunch di lino o olio di semi di lino, forniscono Omega 6, proteine e molti Omega 3;
• altri semi oleosi (nocciole, mandorle, noci, canapa...), altamente proteici, che forniscono acidi grassi polinsaturi Omega 3 e Omega 6;
• una banana, per apportare zuccheri a rapido assorbimento, potassio e fibre solubili;
• un frutto di stagione, che apporta carboidrati ad indice glicemico medio-basso, vitamine e fibre;
• mezzo limone sotto forma di succo o di pezzi di frutto che fornisce vitamine;
• cereali integrali come avena, grano saraceno, orzo, riso, crudi e macinati finemente che apportano zuccheri lenti e fibre non solubili;
• yogurt (vaccino o di soia) o tofu o ricotta magra che offrono proteine di qualità.

Preparare questa crema è molto semplice e veloce, ma è importante che tutti gli ingredienti vengano utilizzati freschi e macinati al momento per mantenere meglio le proprietà nutrizionali.

Vi aspettiamo sabato 31 dicembre, verso le 12.40 (all'interno del programma Parola di pollice verde), sempre su Rete4: parleremo proprio dell'importanza dei grassi buoni, insieme alla dott.ssa Laura Carabelli. 

Dott.ssa Elena Riello