Mercoledì, 15 Novembre 2017 11:13

Ossa e osteoporosi: fattori di rischio e strumenti di analisi

Le ossa sono il sostegno del nostro corpo, ma spesso non le trattiamo come meritano e ci dedichiamo a loro solo in caso di fratture, lussazioni o quando cominciano a sorgere alcune complicazioni con l'invecchiamento. Fin dai primi anni di vita, è di primaria importanza salvaguardare la salute e il benessere delle ossa, dato che secondo molti specialisti un bambino che soffre di carenza nutrizionale (calcio, fosforo e vitamina D) o che ha uno scompenso metabolico/ormonale, causa di un non corretto sviluppo delle ossa, ha una maggiore probabilità di soffrire di osteoporosi quando entra nella terza età.

Cos'è l'osteoporosi? L'osteoporosi è una malattia caratterizzata da perdita di massa e di resistenza dell'osso che, perdendo compattezza ed elasticità, è a maggior rischio di frattura soprattutto sul collo del femore. Si sviluppa solitamente nella terza età o per molte donne, durante la menopausa. Esistono tre tipi di fattori di rischio che portano all'osteoporosi, i fattori sui quali possiamo intervenire durante la nostra vita (fumo, consumo di caffè, consumo di alcol, mancato apporto di proteine, calcio e vitamina D), sui quali possiamo intervenire parzialmente (peso, menopausa, malattie endocrine, malattie reumatologiche e uso di farmaci) e sui quali non possiamo intervenire (età avanzata, etnia bianca o asiatica, familiarità, genere femminile).

Per diagnosticare l'osteoporosi il primo passo è la MOC, un esame con il quale la densità dell'osso viene valutata attraverso una radiografia solitamente alle vertebre lombari, più bassa è la densità, maggiore sarà il rischio di frattura. Per sapere l'andamento della salute delle nostre ossa sarebbe necessaria una misurazione periodica della loro densità, ma con le radiografie il corpo verrebbe esposto troppe volte a raggi X. Per questo ci sono anche piccoli apparecchi per la MOC, che utilizzano altre forme di energia, come gli ultrasuoni e ci permettono di avere indicazioni sul rischio di frattura ipotetico, di valutare in tempi brevi la salute dell'osso, misurando la densità di ossa di piccole dimensioni come avambraccio e calcagno.

Grazie a questo semplice sistema a disposizione anche in alcune farmacie e ai consigli del farmacista Pharmavegana, possiamo poi intervenire,  sotto la supervisione di uno specialista, fornendo il giusto nutrimento quotidiano alle nostre ossa.

La salute delle ossa è il focus del tour di Pharmavegana: segui la tappe del camper su Facebook